Emozioni dalla Maratona di New York

DAAA633C-D1ED-4112-8150-6BDB01FE01F6

Bellissime emozioni di Veronica Nannini e Valentina Perrone da NY,
atlete Asd Corricastrovillari.

Quando si pensa ad una maratona, è quasi automatico associarla a New York..che, nell’immaginario collettivo, è la maratona per eccellenza.
Forse per la magia di questa città, forse perchè, fin da bambini, se ne vedono le immagini al telegiornale: un fiume di persone che corrono sopra ad un ponte.
Il percorso è lungo, tanti sono i chilometri da macinare per provare ad affrontarla, ma, credeteci, ogni secondo della gara vi ripagherà del sudore e delle fatiche passate!
La magia comincia già in volo, quando il pilota, una volta atterrati, augura “in bocca al lupo ai runners”. Questo perché guardandosi attorno ai percepisce che quasi tutti i viaggiatori vi parteciperanno: si vedono borsoni di società, zaini con adesivi di precedenti maratone.
Si entra nel vivo con il ritiro del pettorale allestito presso il Jacob Javits Convention Center. Al solo ingresso è inevitabile emozionarsi perché si viene accolti da un lungo applauso da parte dei volontari che operano per la maratona.
All’interno c’è veramente di tutto: dai gadget relativi alla maratona (abbigliamento, oggettistica) a gel e integratori. Non mancano sfondi accattivanti nei quali si possono scattare foto con in mano il proprio pettorale. Una delle pareti più caratteristiche è quella che riporta, suddivisi in ordine alfabetico, i nomi di tutti i partecipanti alla gara…inevitabile cercare il proprio e immortalarsi accanto ad esso!
Svolte le “formalità” del ritiro del pettorale, si può godere della città, magari, come abbiamo fatto noi, facendo un breve allenamento a Central Park..in mezzo alle mille sfumature dei colori autunnali e ai sorrisi che tutte le persone rivolgono a noi runners.
La sera prima ci si sente un pó come prima di un esame: emozionati, agitati, si fatica a prendere sonno e si controlla mille volte di aver preparato tutto per il giorno dopo.
Si parte presto e bisogna essere attrezzati per trascorrere diverse ore al freddo: a noi hanno consigliato di portare un sacco a pelo dove coricarsi e scaldarsi nell’attesa. Il consiglio é stato veramente utile!!
Tutti i vestiti che si usano per coprirsi prima della gara vengono donati in beneficenza (salvo non si preferisca depositarli).
L’attesa della partenza è scandita dal soffermasi sulle diverse persone: ci sono runners vestiti in modo tecnico, altro che sfidano il freddo a gambe nude e personaggi che usano, per scaldarsi, le più svariate tute: unicorni, dinosauri..addirittura scorgiamo un signore in accapatoio.
Il tempo passa velocemente e ci si ritrova catapultati alla linea di partenza, con il cannone che spara dando il via e milioni di coriandoli che vengono lanciati in aria.
La partenza è sul ponte di Verazzano, un pó in salita, ma l’entusiasmo lo rende quasi pianeggiante.
Si scende e si viene accolti da centinaia di persone festanti che urlano “Welcome to Brookling”…la musica, il tifo e le urla di incoraggiamento ci accompagneranno durante tutta la gara. Le parole non riescono a descrivere quello che si prova correndo le famose 26.2 miglia: non si è mai soli..continuamente spronati dal pubblico che urla, incita, mostra cartelli colorati con svariate scritte..addirittura i poliziotti newyorkesi, di solito così seri, sorridono e ti “battono il cinque”.
I chilometri corrono via velocemente, tra il panorama mozzafiato e il tifo, non si sente la fatica e, sempre con il sorriso sulle labbra, ci si ritrova a Central Park.
Gli ultimi chilometri sono stati per noi i più impegnativi perché ormai era forte il desiderio di raggiungere il traguardo..quando lo vedi alzi le braccia e urli di gioia!!!!!
Poi ti mettono la medaglia al collo e ti avvolgono in un poncho termico..e lì inizi a percepire che “ce l’hai fatta”..hai terminato la maratona di New York!!!
Il giorno successivo la festa continua: è il “monday” della medaglia: i newyorkesi gradiscono che i partecipanti girino per le strade con la medaglia al collo..si complimentano (“great work”!) e ti chiedono il tempo in cui hai terminato il percorso.
La maratona di New York è così: uno spettacolo unico che ti accompagna prima, durante e dopo la gara.
Si torna a casa carichi di ricordi e certi che questa rimarrà una esperienza unica e irripetibile.

       

Commenti

  • By Fausta Bianco - on Reply

    Col tuo racconto mi fai rivivere la mia esperienza del 2003, la NYC marathon e’ unica nel suo genere e ti lascia dentro delle emozioni che non si dimenticano mai!

Lascia un commento

Preloader
Image #550992b4f3566
Image #5509967812de1
Image #55099691cafc0
Image #5509969277c05
Image #5509ae6935681
Image #5509aec05c052
Image #5509b84314a89
Image #550dac912e832
Image #55b8efe5cf36d

Recent Posts

 
Cross di Lamezia 2020
IMG_3420 Importante trasferta per la Asd Corricastrovillari alla cross a squadre di Lamezia. Ottima la vittoria del capitano Michele Spingola nella sua categoria che dimostra di non aver rivali anche a 48 anni. Due ottimi podi per De Marco e Lagani che si posizionano rispettivamente secondo e terzo. Il resto della squadra conferma la sua
CORRICASTROVILLARI PRESENTE ALLE NAZIONALI DI CROSS MASTER
Una grande giornata di Sport si è svolta Domenica 9 Febbraio presso il Centro Universitario Sportivo di Cassino (Frosinone): una Ottima organizzazione dei Cussini, in collaborazione col Comitato Regionale Fidal Lazio, ha animato la 38esima edizione dei Campionati Italiani di Corsa Campestre over 35 o Campionati Italiani Master Cross che dir si voglia . Giornata
Ottima trasferta Alla corsa di Miguel
Oggi a Roma i nostri atleti hanno preso parte a «La corsa di Miguel», manifestazione sportiva in memoria di un giovane poeta argentino, appassionato di podismo e desaparecido. El pibe che corria sueños si chiamava Miguel Benancio Sanchez… Il poeta che correva. Miguel era argentino, veniva da una famiglia di dieci figli, scriveva poesie, ma
Kristel Santoro una promessa dell’atletica leggera italiana
Kristel Santoro una promessa dell’atletica leggera italiana. Procede a grandi passi l’evoluzione di questa campionessa in erba della Asd Corricastrovillari. Nei sui primi 10 anni ha dimostrato subito di che pasta è fatta e, con i consigli del papà Michele e della mamma Anna oltre all’appoggio del fratello Kristel, ha stabilito record e fatto il
Letizia Spingola e la Corricastrovillari volano nella mezza di Eboli
Grandi affermazioni nella gara campana di Eboli per la Corricastrovillari dove la Letizia vince la sua prima importante gara. Tempo di 1:27:06 sui 21km e tutto d’un fiato quello di Letizia che le ha permesso di vincere questa mezza Maratona dell’amicizia di domenica 14 dicembre. Pronti via ed allo sparo ha già fatto il vuoto